Mitsubishi Lancer Evo IX

La Mitsubishi Lancer Evolution, nota anche come Lancer Evo o semplicemente Evo, è la versione corsaiola della Mitsubishi Lancer prodotta dal 1992 dalla Mitsubishi Motors Corporation. Ne sono state prodotte ben dieci versioni e la designazione numerica è data da un numero romano. I modelli Evolution fino al V erano la base della vettura da rally con la quale Mitsubishi correva nel Gruppo A del WRC. Proprio per adattarsi ai regolamenti vigenti, la versione da rally era basata sulla stradale, anche se in realtà la scocca era l'unica cosa che le accomunava.

MMC presentò la Lancer Evolution IX nel Marzo del 2005 in Giappone. Lo stesso giorno la esibì anche nel salone di Ginevra per il mercato europeo. Il mercato Nordamericano dovette aspettare un mese prima di ammirarla al salone di New York.

Il motore 2.0 litri subiva, con l'ingresso della nuova versione, l'adozione del sistema MIVEC (Mitsubishi Innovative Valve timing Electronic Control system, sistema elettronico dell'alzata della valvole Mitsubishi) e garantiva la potenza ufficiale di 280 CV, e una coppia di 392 N•m (355 per il mercato europeo a causa dell'adozione delle prerogative per rispettare le norme Euro 4). In Europa, la Lancer era disponibile in tre versioni, la GSR, la RS e la GT. La GSR era, al solito, la più accessoriata, tanto da "permettersi" la presenza di un climatizzatore automatico, il cambio manuale a 6 marce, il sistema Super AYC (migliorato ancora una volta rispetto alla Evo VIII), il tetto in alluminio. La RS, come la GT, aveva un cambio manuale a 5 marce con rapporti ravvicinati, il tetto in alluminio, interni decisamente minimalisti, la turbina in titanio per le corse (garantisce una maggiore risposta anche a bassi giri e una ripresa migliorata). Con la differenza che la GT aveva interni ispirati alla GSR. La Lancer Evolution IX fu costruita anche in versione station wagon: aveva lo stesso frontale della Evo, mentre dietro era ispirata alle Lancer di serie più tranquille, con il taglio netto della coda. Di questo modello furono introdotte due versioni: la GT, con cambio manuale a 6 marce, e la GT-A, che riprendeva il cambio automatico della Evo VII GT-A con 5 marce. Un importante prototipo su base Evolution IX fu la Evolution MIEV che, basata sul pianale della tradizionale Evo, aveva 4 motori elettrici collegati uno per ruota. I motori della MIEV presentavano una innovazione rispetto al classico motore elettrico adottato anche da altre vetture: era basato su un sistema che posizionasse il rotore all'esterno dello statore, cioè esattamente il contrario della posizione classica. In totale, i motori della MIEV garantivano la potenza di 275 CV, più o meno l'equivalente della versione a benzina classica. Da notare che partecipò anche allo Shikoku EV (Electric Vehicle) Rally 2005.

SPECIFICHE TECNICHE

Motore
Disposizione: anteriore trasversale
Numero di cilindri: 4 in linea
Cilindrata: 1997,4 cc.
Potenza motrice massima: 297CV a 4570 rpm
Coppia motrice massima: 56,7 kgm a 3750 rpm
Alesaggio x Corsa: 85x 88 mm
Rapporto di compressione: n.d

Distribuzione
Bialbero a camme in testa con fasatura variabile Mivec, 16 valvole

Alimentazione
Iniezione elettronica, turbocompressore

Trasmissione
Trasmissione integrale.
Cambio ad innesti frontali a 5 rapporti

Sospensioni
Sospensioni anteriori di tipo McPherson, posteriori indipendenti multilink con doppio braccio

Freni anteriori
Asfalto: dischi ventilati ø320 mm
Terra: dischi ventilati ø276 mm

Freni posteriori
Asfalto: dischi ø300 mm
Terra: dischi ø284 mm

Lunghezza: 4490 mm

Larghezza: 1770 mm

Passo: 2625 mm

Peso: 1310 kg

Galleria immagini